Antropoplicometria

Come funziona

Insieme di misurazioni dei vari distretti corporei finalizzata al calcolo, tramite apposite formule, della composizione corporea (massa magra e massa grassa) e del metabolismo basale del singolo individuo.

L'esame Antropoplicometrico permette di valutare lo Stato Nutrizionale, eseguire una stima della composizione corporea, fornire indicazioni per il calcolo dei fabbisogni nutrizionali individuali e seguire nel tempo l'efficacia della terapia nutrizionale e/o dell'allenamento fisico.

 

Tale esame presenta ed offre vari vantaggi:

  1. mancanza di invasività, semplicità (facilità di applicazione anche al letto del malato);
  2. portabilità;
  3. immediatezza dei risultati;
  4. disponibilità di valori di riferimento;
  5. basso costo.

a cosa serve

L'analisi dei parametri antropoplicometrici viene svolta principalmente tramite il rilievo e lo studio di:

  • Dati ponderali (peso corporeo),
  • Dati staturali (altezza),
  • Indici staturo-ponderali (indice peso-altezza, indice di Quetelet o indice di massa corporea [IMC] o body mass index [BMI]), indice di Rohrer ed indice di Benn),
  • Rapporto vita/fianchi (permette di  valutare il rapporto tra il tessuto adiposo sottocutaneo ed intraddominale; costituisce un indicatore della topografia del tessuto adiposo e del rischio metabolico),
  • Circonferenze corporee (utilizzate per analizzare e valutare la distribuzione del grasso corporeo),
  • Plicometria cutanea (utilizzata per  analizzare e valutare la percentuale di grasso corporeo sottocutaneo, indicatore di adiposità),
  • Diametri corporei (utilizzati per la definizione della taglia corporea e del somatotipo),
  • Lunghezze segmentali scheletriche (utilizzate nello studio dell'accrescimento normale o patologico).