Come lo stress influisce negativamente sulla nostra pelle e come rimediare

Il lavoro, la scuola, i rapporti con il proprio partner, le preoccupazioni economiche, i grandi cambiamenti, le malattie, i profondi traumi: qualsiasi sia la motivazione del nostro stress, sicuramente ne vedremo le conseguenze anche guardandoci allo specchio. Come? Basterà farci attenzione, e noteremo di certo un cambiamento sulla nostra pelle, nello specifico in quella del viso.

 

Lo stress e la pelle: come comunicano

Ma com’è possibile che ciò che ci accade emotivamente possa influire negativamente anche sulla nostra pelle? La risposta è piuttosto semplice: il nostro cervello, infatti, produce impulsi elettrici che aumentano sempre di più in caso di stress, fino a creare un vero e proprio traffico a livello cutaneo.

Ai tessuti cutanei arriva quindi meno ossigeno del solito, con un aumento di produzione di cortisolo, che può provocare fastidiosi segni come le dermatiti, le rughe, i brufoli, ed anche la perdita di luminosità dell’incarnato.

Lo stress, infatti, diminuisce la barriera del sistema immunitario, e rende la pelle più sensibile ad allergeni stagionali, che spesso sfociano in fastidiose e anti estetiche dermatiti.

 

Le rughe in aggiunta, sono dovute proprio alla scarsa ossigenazione della cute, con un ristagno di cellule morte che non lasciano spazio a quelle nuove, e che creano quindi dei solchi via via più profondi.

 

Pelle e stress: i rimedi

Come per qualsiasi altro tipo di disturbo, anche nel caso di peggioramenti a livello cutaneo va indagata con attenzione la causa che può aver scatenato tali problematiche. Se non vi sono altri sintomi che lasciano strada a qualche altra diagnosi, si può pensare allo stress come causa principale del cambiamento della nostra pelle.

 

Una volta appurato che è lo stress la causa reale di questa problematica, è opportuno agire dalla base a capire cosa veramente ci porta a tali condizioni. Per combattere lo stress esistono molti escamotage diversi: principalmente, però, si parla sempre di imparare a dedicare a se stessi più tempo, trovando una passione da coltivare per tenere l’animo positivo ed attivo.

 

Ma visto che ‘’uscire’’ da questa condizione di stress non è una cosa da poco, c’è qualcosa che si può fare più nell’immediato per migliorare l’aspetto della propria pelle? La risposta è sì. Ci sono dei piccoli "trucchetti" naturali e alla portata di tutti, che possono aiutare a ridonarci una pelle dall’incarnato sano, luminoso, senza troppe imperfezioni e/o segni del tempo. 

 

Prima di tutto, la parola d’ordine è ‘’acqua’’: bere 2 litri di acqua al giorno cambierà in poco tempo l’aspetto della vostra pelle, che sarà ricaricata da una bella ondata di idratazione, ottima per combattere rughe, brufoli e ossigenare i tessuti.

In secondo luogo, si può ricorrere a cosmetici e trattamenti di bellezza che siano il più possibile di origine vegetale: largo spazio a maschere che limitano la produzione di sebo (come quelle all’argilla rosa), scrub purificanti e creme detox.

 

Per una maggiore sicurezza, non improvvisate acquisti di creme e lozioni senza essere sicuri che siano adatti alla vostra pelle: meglio recarsi in farmacia o, ancora meglio, da un dermatologo, specialista che saprà sicuramente indicarvi il trattamento migliore da fare.

 

Qualora invece vi siano degli inestetismi difficili da eliminare con queste metodiche, ecco che ricorre in aiuto la medicina estetica, con le sue terapie e tecniche assolutamente non invasive e naturali.

 

Se i segni dell'invecchiamento cutaneo ti infastidiscono, potresti voler consultare un medico estetico. Nuovi trattamenti e procedure meno invasive per levigare le rughe, rassodare la pelle e migliorare la carnagione, stanno dando a molte persone una pelle dall'aspetto più giovane. Per maggiori informazioni, consulta questa pagina, oppure compila il form qui sotto.

 

Per favore, inserisci il codice:

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti