Botox: 5 Usi Alternativi

Tra i vari usi che si possono fare del botox, il più conosciuto è sicuramente quello che lo vede protagonista dei miglioramenti a livello estetico, soprattutto per quanto riguarda la zona del volto. Scopriamoli insieme!

 

      1. Botox per combattere le rughe del viso

Il botulino è infatti utilizzato principalmente per appianare le rughe della fronte e della zona degli occhi: esso agisce riducendo la mobilità dei muscoli, con il conseguente rilassamento anche della cute al di sopra dei muscoli trattati. E’ un trattamento molto diffuso e richiesto, anche tra le persone più giovani, ed è uno dei metodi più sicuri utilizzati in medicina estetica per il trattamento delle rughe. Oltre ad essere sicuro, è anche un metodo che non ha praticamente alcun effetto collaterale e soprattutto non è permanente, pur mantenendo comunque una buona resa in termini di tempo: i risultati, permangono fino a 3, 6 mesi dopo il trattamento, a seconda della mimica facciale della persona.

 

      2. Botox: dì addio alle rughe della fronte

Con il trattamento si vanno a ridurre le contrazioni dei muscoli del così detto terzo superiore, ma senza "paralizzare" alcuna parte del volto. Questo significa, quindi, che la persona continuerà senza problemi a corrugare la fronte, a mostrare le sue espressioni facciali e a sorridere anche con la parte superiore, ma senza avere quel fastidioso effetto dello “stropicciare” la pelle. Quindi, il botulino consente di evitare che si producano delle rughe con i micromovimenti della fronte.

 

      3. Botox contro il mal di testa

Il botox è utilizzato anche per curare l’emicrania, soprattutto nelle situazioni in cui tale dolore è così importante da essere quasi invalidante. Il dolore pulsante, la nausea, il vomito legati al problema dell’emicrania, possono essere sconfitti praticando  delle iniezioni di botulino in specifiche zone della testa – dalla fronte, al cuoio capelluto – alle spalle e al collo. Non si tratta di una soluzione permanente, ma in molti casi è in grado di ridurre ampiamente il dolore, e i suoi risultati diventano via via più duraturi a mano a mano che si segue questo trattamento.

 

      4. Botox contro il sudore

Chi soffre di sudorazione eccessiva, sa quanto questo disturbo possa essere davvero debilitante: il botulino, anche in questo caso, può diventare un ottimo alleato, in quanto capace di bloccare la produzione di sudore. Con questo fine, il botox può essere iniettato nelle zone più soggette a sudorazione: pensiamo per esempio ai palmi delle mani, alla pianta del piede, al viso, alle ascelle.

 

      5. Botox: controlla gli spasmi muscolari

Come abbiamo detto all’inizio, il botulino riduce la mobilità dei muscoli dove iniettato, ed ecco perché diventa un valido aiuto anche per chi soffre di spasmi muscolari. E’ utilizzato soprattutto in pazienti che soffrono di bruxismo, o per chi ha fastidiosi spasmi muscolari a livello degli occhi e del volto in generale.

 

Se desideri un consiglio o più informazioni sul trattamento con Botox, puoi entrare in contatto con la dott.ssa Laura Mazzotta compilando il form qui sotto, chiamandoci o mandando un messaggio nei nostri canali social (WhatsApp, Instagram, Facebook). Saremo lieti di poterti aiutare rispondendo alle tue domande e/o prenotando un appuntamento per un’analisi del caso più accurata.

Per favore, inserisci il codice:

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti