Dolore alla spalla: come gestirlo in modo efficace?

 

Il dolore alla spalla è un tipo di dolore molto diffuso nella popolazione tanto da essere secondo solo al mal di schiena. Spesso si manifesta di notte oppure compiendo un normalissimo movimento come, ad esempio, infilarsi un maglione o prendere un oggetto da un ripiano alto.

L’articolazione della spalla è fra le più mobili del corpo umano. Quando iniziamo ad avvertire dolore nel fare alcuni movimenti la prima risposta di difesa del nostro corpo sarà quella di evitare i movimenti dolorosi e se la situazione perdura nel tempo perdiamo mobilità fino ad arrivare ad una situazione di rigidità dell’articolazione.

Le prime conseguenze di una spalla dolorosa sono:

·       perdita di movimento

·       perdita di forza

La causa più frequente è la sindrome da Conflitto Subacromiale con conseguente tendinopatia della cuffia dei rotatori.

Nel canale subacromiale passa il tendine del sovraspinato e, a causa della ridotta dimensione del canale, se sono presenti squilibri muscolari o malformazioni ossee genetiche di queste strutture il tendine del sovrasppinato è sottoposto ad uno sfregamento continuo.

La prima conseguenza di questo sfregamento ripetuto è lo stato infiammatorio che nei casi più gravi può portare alla rottura dei tendini.

Il tendine della cuffia dei rotatori che più spesso va incontro a lesioni o rotture è proprio il tendine del Muscolo Sovraspinato, a causa del motivo sopracitato.

l fatto che si manifesti soprattutto di notte è spiegabile per due ragioni:

- la prima è che in stazione eretta per effetto del peso del braccio lo spazio sottoacromiale è maggiore rispetto alla posizione da sdraiato.

- la seconda è che di notte, per una serie di fattori metabolico-funzionali, la soglia del dolore si abbassa e di conseguenza avvertiamo maggior dolore.

 

 Altre cause di dolore alla spalla sono:

 

·       Spalla congelata: patologia caratterizzata da un’elevata rigidità articolare e provoca dolore alla spalla quando si compiono movimenti. Questo disturbo incide negativamente sulla mobilità dei soggetti affetti. Può insorgere dopo lunghi periodi di immobilizzazione o in seguito ad eventi traumatici.

·       Infiammazioni e borsiti: in special modo la borsite sub-deltoidea. La borsite è un processo infiammatorio della borsa sierosa di un’articolazione. Il movimento dei tendini diventa difficile e doloroso. Traumi, impatti violenti o numerosi microtraumi ripetuti nel tempo sono spesso le cause che danno origine ad infiammazioni e borsiti.

·       Artrite provocata da malattie autoimmunitarie: come l’artrite reumatoide e l’artrite psoriasica.

·       Artrosi: l’artrosi è una malattia degenerativa che si sviluppa soprattutto in età avanzata. La progressiva perdita di cartilagine fa sì che i movimenti delle articolazioni perdano fluidità e comportino dolore.

·       Traumi e fratture

·       Lussazione gleno-omerale

·       Patologie del rachide cervicale, ernie, trigger points (fasci muscolari alterati che evocano dolore) a livello dei muscoli del collo.

 

La prima cosa da fare è un consulto con un medico specialista Ortopedico o Fisiatra che attraverso la visita specialistica e dei test clinici, sono in grado di verificare se ci sono dei deficit di movimento, di forza e nel caso consigliare degli esami strumentali come RX, Ecografia o Risonanza Magnetica per capire con precisione qual è la causa del dolore. 

 

Una volta raggiunta la diagnosi il medico, a secondo della gravità, può prescrivere:

 

·       Una terapia farmacologica volta a far diminuire l’infiammazione;

·       La Fisioterapia per migliorare il movimento della spalla, recuperare la forza e la propriocezione dell’articolazione.

·       E in ultima istanza se necessario valutare e proporre l’intervento chirurgico.

 

La fisioterapia può essere un valido rimedio per ridurre il dolore e migliorare la mobilità della spalla.

 

I trattamenti più utilizzati in fisioterapia per curare il dolore alla spalla sono:

 

Terapia manuale: mira a recuperare il corretto equilibrio strutturale dell’articolazione ed allevia il dolore.

Esercizi: sono fondamentali per riequilibrare la muscolatura della spalla, in particolare rinforzare i muscoli della cuffia dei rotatori.

 

Un aspetto da considerare e non sottovalutare assolutamente è la prevenzione. È possibile agire a livello preventivo recuperando la propriocettività della spalla (il controllo del suo movimento nello spazio), migliorando la mobilità dell’articolazione con l’ausilio di esercizi sia attivi che passivi e rinformando i muscoli e i tendini della cuffia dei rotatori con esercizi che prevedono l’utilizzo degli elastici. 

  

 

Per prenotare è sufficiente fare richiesta nel Form qui sotto, o in alternativa contattare la segreteria online 24/7 tramite messaggio WhatsApp al numero +39 351 658 2001, oppure chiamando il numero fisso +39 0532 098734 negli orari di apertura della segreteria:

Per favore, inserisci il codice:

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti